LA NOSTRA CAMERETTA DA PICCOLI

/ Leave a Comment



La cameretta designata ha pareti bianche ritinteggiate da poco ed un bel pavimento in legno di tonalità calda e chiara.
Come già accennato, sono i mobili e gli accessori a portare il colore in questo ambiente così nordico.

E nordica è stata anche la destinazione del nostro shopping per l'arredo di questo ambiente, essendoci diretti all'Ikea; la scelta non è stata casuale perchè le grandi possibilità di personalizzazione e di composizione hanno decretato negli anni il successo di questa azienda.
Nel caso di camere per bambini, poi, ci sono due fattori vincenti in questa scelta: la possibilità di rispondere all'evoluzione molto veloce delle necessità dei bambini ed il design improntato alla semplicità d'uso ed alla sicurezza.

Infatti le esigenze cambiano velocemente, dove prima servivano tanti cassetti per body e tutine ora serve un grande reparto appenderia per i vestiti da grande.
Dove prima serviva un ampio spazio per un tappeto multiattivita' ora serve uno spazio sicuro in cui muovere i primi passi.

Io mi sono fatta questa idea: da 0 a 18 mesi la cameretta deve essere a misura di genitori, dai 18 mesi in poi a misura di bambino.
Infatti fino a che le capacità di movimento e coordinazione sono scarse dovrete fare voi tutto...poi il vostro bimbo comincerà a crescere e a voler mettere alla prova il suo corpo e la cameretta diventerà il suo piccolo mondo!

Quindi affidarsi ad un sistema flessibile e' fondamentale, anche perché si può scoprire di aver studiato una soluzione migliorabile, proprio come e' successo a noi.

Questa e' infatti la piantina della cameretta, con i due lettini paralleli, un piccolo armadio, un divano ed un fasciatoio.

 Il fasciatoio era la soluzione prevista per i cambi rapidi, ma dopo poche settimane ci siamo resi conto che la postazione che avevamo creato in lavanderia era migliore perché l'acqua corrente era fondamentale! Senza averlo provato in prima persona era difficile da immaginare, anche perchè tanti progetti prevedono una zona per il cambio nella cameretta..ma, si sa, ogni bambino ha esigenze diverse, ed anche ogni genitore, aggiungerei!!

da Pinterest
Così abbiamo liberato quella zona, giusto in tempo per metterci i primi giochi.

I mobili fondamentali si sono rivelati, quindi, davvero pochi, ovvero lettini, armadi con grandi cassetti, un divano o poltrona con morbidi cuscini per le poppate e qualche momento di riposo, una lampada con luce soffusa per non disturbare e tanto spazio libero da organizzare con tappetini e giochi.
Mobili Ikea, tappeto Chicco, pavimento nostro!


Noi abbiamo scelto lettini IKEA con doppio livello del materasso (questo modello non è più in produzione, sostituito da questo che mi sembra ottimo perchè ha i cassetti e può essere utilizzato successivamente senza sponda), un divano rimesso a nuovo ed il sistema di contenitori Stuva.
Questa linea è pensata apposta per favorire l'autonomia dei bambini avendo aperture sicure per i cassetti e le ante; già dopo poche prove i miei bimbi sapevano come aprire i cassetti senza rischiare le dita (loro) ed un infarto (io).

Favorire l'autonomia - senza compromettere la sicurezza - è uno dei principi dell'approccio montessoriano al modo del bambino; ricercare soluzioni che permettano ai miei bambini di fare ciò che vogliono e sono in grado di fare è il mio obiettivo.

E voi cosa considerate fondamentale per la cameretta?
Vi siete dovuti ricredere su alcune scelte “tattiche”?


0 commenti:

Posta un commento

interagire è bello e costruttivo