SICUREZZA NEGLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO (E RAFFRESCAMENTO!)

/ Leave a Comment
Soggiornare in un bell'ambiente caldo è un privilegio di cui godiamo da poche decine di anni e a cui non potremmo di certo rinunciare, specialmente da quando ci sono i nostri bambini!

Ora che siamo in periodo di accensioni, indipendentemente dal tipo di impianto che abbiamo installato e da come lo utilizziamo dobbiamo ricordarci che i controlli di efficienza ci permettono di sfruttare il calore in tutta sicurezza.


Se avete un impianto centralizzato (condominiale, di solito) non avrete scadenze da rispettare, dovrebbe essere il vostro amministratore a far rispettare le richieste di legge e a farvi contribuire di conseguenza.

Se il vostro impianto è autonomo, invece, avrete un documento che si chiama "libretto d'impianto" sul quale vengono registrate le caratteristiche e le ispezioni fatte al vostro impianto; se non vedete quel documento da più di quattro anni vi dico subito che dovete correre a cercarlo!!


Siamo seri, cosa può accadere ad un impianto termico non revisionato?

-che funzioni male, facendovi consumare più di quanto dovreste, non facendovi avere il comfort che desiderate, spegnendosi quando ne avete bisogno
-che faccia decadere le garanzie, perché se non fate manutenzioni il produttore del vostro impianto potrebbe escludervi dal suo servizio clienti
-che abbia delle perdite, facendovi rischiare la vita

Mi sembra che lo scenario sia abbastanza inquietante, cosa dite?

Inoltre le ispezioni sono un obbligo di legge, quindi si è soggetti a controlli e a multe in caso di inadempienza; diverse regioni stanno lavorando ai relativi catasti degli impianti termici quindi non crediate di farla franca!

Come risolvere la situazione se scoprite di aver bisogno di fare delle verifiche sul vostro impianto?

Chiamate il vostro idraulico di fiducia e confessate, oppure cercate il nome del centro di assistenza relativo alla marca della vostra caldaia; il centro di assistenza a cui mi rivolgo io propone diversi pacchetti che estendono le garanzie e mi manda una lettera per ricordarmi quando e quali controlli dovrò fare.

Siamo a posto ora?

Non proprio...ci sarebbe anche l'impianto di climatizzazione, quando è del tipo a split.

fonte sito Daikin
I climatizzatori devono essere puliti in due punti: i filtri e lo scarico della condensa.

Per quanto riguarda i filtri è ovvio che la qualità dell'aria che noi respireremo è direttamente proporzionale alla loro pulizia; polvere, pollini, insetti rinsecchiti che rimangono nelle maglie dei filtri non possono sicuramente fare bene, soprattutto ad un bambino il cui sistema immunitario è in via di sviluppo.

I filtri delle unità interne si trovano appena sotto la calotta plastica e possono essere puliti con spray sanificanti (nei negozi di fai da te) ma anche con acqua e sapone ; i filtri delle unità esterne, che spesso sono in luoghi poco accessibili, dovrebbero essere puliti soprattutto per un buon funzionamento della macchina e non per rischi connessi alla salute.

Un altro punto delicato è la vaschetta della condensa, ovvero dove si deposita l'acqua in attesa di essere convogliata verso lo scarico; dopo diversi anni di utilizzo sarebbe opportuno pulirla poichè rischia di essere un ricettacolo di germi.

Purtroppo questa operazione è spesso impossibile da portare a termine da soli perchè non è data accessibilità a quell'accessorio; chiedete al vostro idraulico o al centro di assistenza della caldaia di fare questa pulizia per voi in occasione degli altri controlli di cui abbiamo parlato e sarete sicuri di avere impianti ben funzionanti e sicuri!

fonte sito Daikin
E voi, vi siete mai posti questi problemi di sicurezza?

Vi preoccupate di fare le manutenzioni in casa e in auto o vi mettete in moto solo quando notate malfunzionamenti?


0 commenti:

Posta un commento

interagire è bello e costruttivo