7 DICEMBRE : IL PRESEPE, FINALMENTE

/ Leave a Comment

La creatività è di famiglia qui!


Mio padre crea e collabora ai nostri lavoretti, come vi ho già fatto vedere, ad esempio qui e qui.

Oggi, però, vi parlerò delle abilità manuali del ramo maschile della casata, ovvero dello zio di mio marito.




Questo è il nostro presepe, che unisce la parte "natività" creata e modellata dal suddetto zio e la parte "pecore e pastori" messa insieme da noi per venire incontro alle esigenze di pasticciamento dei nostri figli.



Perché una delle cose più belle del presepe è giocarci, vero? Non dite di no che non vi crede nessuno!

Comunque i miei figli ormai lo chiamano "ia ia oh", indicando chiaramente che per loro è una fattoria e lo tratteranno di conseguenza.



La base è un pannello di sughero, che rende tutto più rustico e dà continuità di materiale e colore tra le due parti.



Nella zona natività i personaggi sono ritagliati nel sughero (in particolare nei turaccioli) e decorati in modo semplice; lo spazio intorno è creato con cartone e legno, rimanendo nello stesso stile e nella stessa scala cromatica.



Potete osservare come sia bella l'ambientazione e come siano curati i dettagli!
 
ecco la parte per i bimbi



Lo zio Tonino è sempre stato amante dell'arte ed ha realizzato decine di presepi, ispirandosi ogni volta ad un ambiente diverso, dalla montagna alla grotta, e con differenti dimensioni.

Quando ho visto la sua collezione ho subito chiesto di averne uno in prestito e sono stata felicissima di avere avuto questo in regalo.


Penso che sia bello avere oggetti "di famiglia", che abbiano una storia e che faranno parte della nostra.



Però questo bel presepe ha scatenato l'invidia di mio padre, che ha deciso di rimodernare il suo ed ha passato diversi giorni a intagliare, dipingere e modellare.

Appena avrà terminato vi mostrerò il risultato!!



E voi, fate il presepe?

Siete per il fai da te? preferite le distese di muschio o siete amanti delle linee semplici e pulite?

0 commenti:

Posta un commento

interagire è bello e costruttivo