IO, L'EXPO E UN QUIZ

/ 2 comments
E’ l’argomento sulla bocca di tutti, quindi non mi posso esimere nemmeno io: parliamo di Expo!

Volevo, però, darvi un punto di vista diverso, visto che ho letto già tante cose interessanti, come il post di The Family Company “101 cose da fare all’Expo con i bambini” in aggiornamento costante, oppure quello di Vale ed il suo giro alternativo per evitare le code dei soliti padiglioni, ormai off limits.
Io ci sono stata con mio marito durante il giorno ed una sera abbiamo portato anche i bimbi, che hanno apprezzato l’atmosfera festosa ed il fatto che ci fosse cibo ovunque, visto che sono dei buongustai, anche se non hanno potuto vedere quasi nulla…quasi.
Mamma, mamma, vado sul trattore!

Io ero abbastanza entusiasta dell’idea di avere una manifestazione così importante qui vicino, infatti avevo già scritto qualcosa, soprattutto degli spazi che mi sembravano più caratterizzanti dell’Expo, ovvero i cluster e che sono stati la peggior delusione!
Se qualcuno sa, parli, ma la mia impressione è che i ritardi e i costi lievitati si siano ripercossi soprattutto su queste zone, che sembrano incomplete ed abbandonate a loro stesse (e io ci sono stata ad agosto, non il 2 di maggio, precisiamo).
L’unico che mi ha trasmesso qualcosa è stato quello della zona mediterranea, forse anche per le leccornie della Regione Sicilia ;)

Per quanto riguarda i padiglioni nazionali mi sembra di aver individuato delle categorie omogenee:

-Europa occidentale, ovvero gli hipster divertiti: Olanda, Belgio, Germania, ma anche Francia ed Inghilterra hanno messo in campo padiglioni molto belli architettonicamente e molto “di tendenza”, sia per le strutture sia per i rivestimenti. Nel mezzo ci sono anche bei contenuti (soprattutto nei primi 3 citati), ma il tutto è sviluppato in modo divertente e divertito.



-Europa orientale, ovvero il futuro è dietro l’angolo: Repubblica Ceca, Slovacchia, Estonia, Turchia sono padiglioni interessanti e fuori dagli schemi, che fanno subito capire come la vivacità culturale che caratterizza questi paesi negli ultimi anni si sia perfettamente presentata ad Expo. Io non ho ben capito il senso di tante sculture presentate nei primi due padiglioni citati, ma ho apprezzato lo sforzo nel fare qualcosa di personale e diverso.



-Sud America, ovvero i “ci siamo anche noi” : Brasile, Ecuador, Uruguay sono tra i più caratterizzati a livello architettonico e ci resteranno in mente per molto tempo. Non solo la rete da scalare, ma tanta tradizione  da portare nel mondo…e tanti buoni piatti nel ristorante ecuadoriano!


Per il resto un’occasione un po’ persa, a mio avviso; alcuni paesi hanno ingaggiato archistar ma non mi hanno lasciato nessun ricordo particolare, altri hanno avuto derive piuttosto kitsch.
Cose interessanti come l'impianto di fitodepurazione e le strategie di sostenibilità dei diversi padiglioni sono conosciute solo dagli addetti ai lavori, mentre sarebbero stati argomenti più interessanti da divulgare anziché tante banalità viste e straviste.

Siete stati ad Expo?
Cosa vi ha colpito in particolare?

Ma, soprattutto, chi sa dove è stata scattata questa foto? Il primo che risponde si becca un regalo, giuro!

ciao!



2 commenti:

  1. Purtroppo sono ancora in attesa della "mia" giornata all'exPo", ma lo sto vivendo attraverso il racconto degli amici e conoscenti..oramai mi mancano veramente pochissimi padiglioni da visitare :D
    per fortuna (se così la si puo chiamare) le code impediscono spesso di far fare a tutti gli stessi, dando invece la possibilità ai padiglioni dei paesi meno conosciuti di essere visitati.

    Tra i miei preferiti, il racconto della mia peste, l'unica in famiglia ad aver visitato la manifestazione, un particolare a lei impresso ..la Svizzera e le riserve in continuo inesorabile calo.... per un bambino è ancora importante toccare con mano.
    e i tanto citato albero della vita.. per lei è stata una delusione... neppure se ne è resa conto di esserci sotto.....
    Pochi amici hanno riferito le vette delle montagne del Montenegro, il padiglione della foto), sarà perchè in troppi lo hanno bypassato?
    bhè, tra pochi giorni potrò vedere con mano da sola ;) e mi potrò meravigliare di altro, oltre ciò che so.

    ps mi spiace il ritardo della risposta, ieri mentre ero su FB si è ingrippato tutto e non trovo più il post come sopra.... un saluto Jé Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora complimenti per aver indovinato!
      Si, ci sono degli angoli davvero poco frequentati, soprattutto in fondo al Decumano, visto che pochi ci arrivano!
      Ti auguro una buona visita, in ogni caso è una bella esperienza.

      Elimina

interagire è bello e costruttivo