LA CALZA DELLA BEFANA

/ 3 comments
A casa nostra non passa la Befana- ci bastano Santa Lucia, Babbo Natale e Gesù Bambino, tutti desiderosi di lasciare doni ai bimbi buoni.
Ma, come tutti, siamo martellati da stimoli relativi alla vecchietta che tutte le Feste si porta via, sotto forma di pubblicità, storie e filastrocche…insomma, impossibile evitarla!



Ho cercato, però, di unire l’utile al dilettevole ed ho preparato una semplice calza che contenga cose che servono ai bimbi, nello specifico calze e mutande, oltre ad una manciata di dolciumi che erano stati strategicamente nascosti nelle scorse settimane per evitare abbuffate.

La nostra calza è semplicissima : carta da pacco piegata in due e ritagliata a forma di calza, cucitura a zig zag fatta dalla macchina da cucire – è facile da fare anche a mano, come avevo fatto qui, ma volevo sperimentare un po’- e un po’ di decorazioni varie.





Io ho stampato i nomi dei miei piccoli , ho disegnato alcune stelle con un pennarello dorato ed ho creato una catena di bandierine con il washi tape.


Semplice ma d’effetto.
Voi fate la calze?




I SALDI SU SMALLABLE SONO ANCORA PIU' CONVENIENTI : -10% EXTRA SUGLI ARTICOLI IN SALDO CON IL CODICE  SALE10MD15 (a partire da 100€)

3 commenti:

  1. Che carine! Anche le nostre sono di carta, ma non sono riuscita a postare niente! Io le ho riempite con tutto l'occorrente per decorare biscotti, ma caramelline e cioccolatini e un po' di carbone non possono mancare!
    Esther

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche il carbone? Io non volevo traumatizzarli, ma forse un po' se lo sarebbero meritato!!

      Elimina
  2. Per traumatizzare le mie ci vuole ben altro! E comunque dopo essermi sgolata (senza successo!) a dire che se non si fossero comportate bene sarebbe arrivato il carbone il carbone non poteva proprio mancare! Gli anni passati, non essendoci qui quello di zucchero(non passa la Befana in Germania!),ho messo quello vero e di nascosto l'una lo metteva nella calza dell'altra per disfarsene! Quest'anno carbone dolce, così ogni tanto vanno a dargli una leccatina!
    Esther

    RispondiElimina

interagire è bello e costruttivo